Tastiere arranger

Ketron MIDJPRO: rilascio del sistema operativo v1.03 .1

Posted in Ketron by Renatus on 29 settembre 2014

Nel mese di settembre, Ketron ha pubblicato un ulteriore aggiornamento del sistema operativo di MIDJPRO, classificandolo con il numero di versione 1.03.1. Questo aggiornamento può essere caricato su MIDJPRO dopo aver già installato la versione 1.03 della quale abbiamo già scritto in questo blog nel mese di luglio.

Le istruzioni per scaricare l’aggiornamento sono sul sito istituzionale di Ketron e le trovate qui: MIDJPRO V1.03.1.

Le novità sono essenzialmente due:

  1. Nel Menu Footswitch sono state aggiunge le funzioni (minor, 7th, m7th, 5+) della sezione Arranger.
  2. Nella sezione Menu/Preferenze è stata aggiunta la funzione Midifile Save Mix: sarà possibile svincolare (o meno) nel salvataggio di un MIDI file il valore assegnato dagli Slider di pannello relativi al Mix – va tenuta in considerazione ovviamente anche l’impostazione del Midi Mix nel menu Function.

Saranno dettagli, ma gli utilizzatori di Ketron MIDJPRO sanno di che cosa si tratta e ringraziano per questo arricchimento software gratuito.

Due bravi musicisti: Marco Bacchetta e Pamela Crola. Osservate Ketron MIDJPRO in primo piano

Due bravi musicisti: Marco Bacchetta e Pamela Crola. Osservate Ketron MIDJPRO in primo piano

Tagged with:

MuseScore: come creare spartiti su PC o Mac

Posted in Software by Renatus on 25 settembre 2014
MuseScore all'opera

MuseScore all’opera

Se non disponete di un arranger dotato di una decente funzione di spartito digitale, ecco per voi una soluzione alternativa: creare i vostri spartiti da voi sfruttando MuseScore un bel programma notazionale. Gratuito e open source.

Sebbene sia una versione free, tuttavia questo software sembra non avere limiti: accetta un numero illimitato di note e pentagrammi, consente fino a quattro voci per pentagramma, offre funzioni automatiche di trasporto ed estrazione delle parti, permette di gestire le ripetizioni, i ritornelli e la coda; potete usarlo per aggiungere abbellimenti, liriche del testo, simboli degli accordi.

MuseScore è compatibile con Microsoft Windows, MacOS, e Linux, ed è disponibile anche in italiano.

Come la funzione Score di serie sugli arranger, anche MuseScore può importare i vostri MIDI file, isolare la traccia del canto o delle parte di piano/organo/basso e creare così in un amen il vostro spartito. Immagino quanti di voi faranno uso di questa preziosa utilità.

Il numero di funzioni è davvero spaziale e, fra le tante opportunità, vi segnalo che è possibile visualizzare uno spartito su YouTube sincronizzando lo scorrimento dello sparito con il video (ecco come).

Alla fine, stampate su carta il vostro spartito e infilate i fogli nel vostro dossier. Oppure salvate tutto in formato PDF e visualizzate le parti sul tablet PC. E, ancora, tramite l’app MuseScore Player, potete visualizzare i vostri spartiti su un tablet sfruttando a fondo tutte le funzioni tipiche di un dispositivo mobile.

Provate MuseScore: ne vale la pena! Ecco il link al sito originale: http://musescore.org/it Da qui potete scaricare gratuitamente il software e installarlo sul vostro computer.

_________________

Concludo riportandovi l’elenco dei filmati di istruzione (sono in lingua inglese ma non disperate, sono presentati con i sottotitoli in italiano):

 

Tagged with: , ,

Tutto quello che è possibile sapere per ora su Korg Pa3X Le

Posted in Korg by Renatus on 20 settembre 2014

A distanza di qualche settimana dal lancio di Pa3X Le, la nuova ammiraglia delle serie Professional Arranger Korg ecco per voi il sommario delle risorse principali disponibile nella rete:

  • La pagina dedicata al nuovo arranger sul sito del produttore Korg Italy.
  • L’annuncio del distributore Italiano Eko Music Group.
  • Un filmato di presentazione registrato con la rinomata bravura di Marco Parisi (vedi link qui sotto, al fondo di questo articolo).Un altro filmato già citato in questo blog preparato da Steve McNally di Korg USA.
  • Una collezione di brevi clip audio dimostrative di alcuni stili pubblicate su SoundCloud.
  • Una seconda serie di dimostrazione audio su SoundCloud, stavolta dedicate ad una serie di brani musicali completi.
  • La guida rapida (in italiano) e il manuale utente (in lingua inglese), entrambi pronti per il download.
  • Il video-manuale è formato da otto filmati: per ora è accessibile solo in lingua inglese. Per la cronaca, dal primo filmato si evincerebbe che i tempi di accensione dello strumento durano almeno 2 minuti.
  • Altri annunci contemporanei come quello del distributore nordamericano e del distributore tedesco.
  • Un vivace scambio di prime impressioni fra gli appassionati italiani, tratto dal forum di Supporti Musicali.

Ad oggi, il prezzo di mercato si è assestato sui 2.499 Euro.

Tagged with:

Yamaha PSR-F50: piccoli arranger crescono

Posted in Yamaha by Renatus on 18 settembre 2014
Yamaha PSR-F50

Yamaha PSR-F50

Qualche anno fa le tastiere portatili erano davvero spartane e offrivano suoni ad 8 bit dove il pianoforte sembrava una marimba e le voci di chitarra davano le stesse sensazioni di suonare le corde di una racchetta da tennis. Molte cose sono cambiate da allora e la dimostrazione dei suoni di questa ultima piccola novità giapponese sorprende per la qualità inattesa in questa categoria di prodotti. Certo, non fraintendetemi, siamo distanti anni luce dalle possibilità espressive di un arranger workstation; ma PSR-F50 si presenta come uno strumento di base semplice e di facile utilizzo. “Il risultato è una tastiera che chiunque troverà facile da suonare”.

  • Essenziale: 120 voci e 114 stili.
  • Autonoma: amplificatore stereo da 2,5W.
  • Istruttiva: metronomo e modalità duo per suonare col maestro
  • Portatile: funziona anche a batteria
  • Economica: il prezzo oscilla fra i 99 e i 109 Euro.

Guardatela in azione in questo filmato. Un bel giocattolino, vero?

Tagged with:

Korg alza il sipario su Pa3X Le

Posted in Korg by Renatus on 5 settembre 2014
Korg Pa3X Le

Korg Pa3X Le

Quando è stato chiesto in che cosa Pa3X Le fosse diversa dal modello di punta Pa3X 76Steve McNally di Korg USA ha risposto laconicamente: “It’s lighter” (“E’ più leggera“). Del resto la desinenza Le (Light Edition) aggiunta al nome del modello, ci porta proprio a pensare che siamo di fronte ad una declinazione ridimensionata dello stesso prodotto.

E’ una tradizione consolidata di casa Korg: quando un progetto funziona davvero, ecco che lo si sfrutta a fondo pubblicando versioni diverse dello stesso modello con numerose varianti. A titolo di esempio, non ricordo nemmeno più quante versioni di Korg Triton siano state lanciate sul mercato anni fa. E’ così eccoci qui ad inizio settembre a commentare il lancio del nuovo arranger workstation basato sul concetto di Pa3x.

Dalla prima lettura del comunicato, emerge:

  • E’ di fatto una Korg Pa3X 76 che pesa 4kg in meno (13.55kg) con un cabinet elegante in alluminio, ma non meno compatto.
  • Il nuovo modello è disponibile solo con la versione a 76 tasti semipesati (niente 61).
  • Il numero di oscillatori (e quindi la polifonia) è salito da 120 a 128 note.
  • I dispositivi di effetti sono dimezzati: da 8 a 4.
  • Al posto di un disco fisso addizionale, è possibile utilizzare una scheda di memoria MicroSD per salvare le proprie risorse.
  • E’ sempre disponibile una porta per le penne USB (una invece di due).

Tutto il resto apparentemente richiama Pa3X 76 e le migliorie software introdotte successivamente con l’evoluzione applicata al più recente Pa900.

Naturalmente sarà necessario approfondire: torneremo ancora a commentare Pa3X Le, dopo uno studio più attento del prodotto. Nel frattempo, potete leggervi una descrizione più dettagliata del nuovo prodotto sulla pagina web del distributore italiano, Eko Music Group. Oppure dare uno sguardo alle specifiche tecniche dettagliate sul sito del distributore statunitense, Korg USA.

Sarà un successo? Lo sapete tutti: dipenderà molto dal prezzo. Del resto i tagli operati sul modello di punta, porteranno inevitabilmente ad un prezzo più abbordabile e molti musicisti in più si potranno permettere di suonare un arranger workstation Korg.

E ora chiudiamo guardandoci insieme il video di presentazione di Korg Pa3X Le così come è stato realizzato brillantemente da Steve McNally con la collaborazione di Dominic Bouffard; dura 2 minuti e mezzo, quale segno di una encomiabile capacità di sintesi.

Tagged with: ,

Serata Tyros: il film

Posted in Yamaha by Renatus on 3 settembre 2014

Sono sicuro che la maggioranza assoluta dei lettori di http://tastiere.wordpress.com abbia già avuto modo di contemplare il filmato che oggi voglio segnalare. Per quei pochi che non l’hanno ancora visto, ecco questo filmato pubblicato nello scorso mese di luglio sul canale ufficiale YouTube di Yamaha Music Corporation. E’ la riproduzione sintetica di una serata organizzata dal distributore francese di Yamaha per presentare dal vivo le potenzialità straordinarie di Tyros 5, ai vertici della categoria degli arranger workstation.

La lingua del filmato è il francese ma, come mi piace sempre ricordare, la musica è un linguaggio universale.  Se qualcuno non conosce ancora bene che cosa significa suonare una Tyros, suggerisco di seguire con attenzione questo filmato che dura oltre 32 minuti.

Fra i tanti momenti preziosi, vorrei evidenziare la carrellata dei musicisti finalisti di un concorso lanciato nel 2013. Tutti alle prese con Tyros 4 dal minuto 2:24 in poi: Hervé Courtouis et Evera, Gilles Petry, Marc Francois Beyer, Serge Forte , Christian Nadler e Florent Adroit.

Ma il momento centrale è la presentazione di Tyros 5 curata dal bravo Arnaud Delauney dal minuto 4:59 a 18:42. Se qualcuno di voi è interessato a conoscere questo arranger, questa presentazione offre molti spunti di riflessione.

A partire dal minuto 18:43, Arnaud passa ad un vero e proprio concerto avvalendosi della collaborazione al canto di Sophie Delmas.

Il gran finale vede aggiungersi al concerto un pianoforte a coda Yamaha suonato da Serge Perathoner.  Arnaud suona Tyros 5 per tutte le parti orchestrali e il risultato è eccellente, grazie all’intensa interpretazione vocale di Sophie.

Mettetevi comodi e… buona visione!

Tagged with: , , , ,

Leggere gratuitamente la rivista Strumenti Musicali (per un periodo limitato)

Posted in argomenti vari by Renatus on 13 agosto 2014

Rivista Strumenti Musicali

Rivista Strumenti Musicali

Se disponete di un apparato iOS, potete leggervi gratuitamente tutti i numeri arretrati della rivista bimestrale Strumenti Musicali. Questa opportunità vale per tutto il mese di agosto 2014.

La notizia è positiva in sé, chissà che non stuzzichi l’interesse di qualche lettore aumentando il numero di abbonati.  E’ un peccato però che la pregevole iniziativa sia ristretta alla cerchia limitata dei possessori di dispositivi Apple: la consultazione infatti è veicolata tramite l’app Strumenti Musicali scaricabile dall’Apple Store.

Gli arretrati disponibili risalgono nel passato fino al numero di gennaio 2012. Chissà se un giorno saranno disponibili su web gli arretrati della rivista pubblicati dagli editori precedenti negli anni novanta e duemila, cioè nel periodo dell’età dell’oro degli arranger.

Vi segnalo una selezione degli articoli interessanti per gli appassionati di arranger workstation, tutti firmati da Riccardo Gerbi:

  • Numero 11 del 2012: leggete i risultati del test del software EMC Style Works Universal XT, utile per scambiare stili per arranger di produttori diversi. Ne avevamo parlato a suo tempo anche in questo blog.
  • Numero 5 del 2013: trovate la presentazione di Orla Simple Rec, un lettore/registratore MP3 con processore vocale che potrebbe rivelarsi utile come complemento di chi suona arranger workstation dal vivo.
  • Numero 6 del 2013: contiene un cenno alla valida sezione arranger inclusa sul pianoforte digitale Kawai ES7.
  • Numero 10 del 2013: leggete la presenazione del pianoforte digitale Ketron GP1 Classic Grand, tastiera master ideale per pilotare un modulo arranger come Ketron MIDJPRO.
  • Numero 1 del 2014: la recensione completa di Yamaha Tyros5, di cui abbiamo già parlato in questo blog.
  • Numero 2 del 2014: non potete assolutamente perdervi l’ottima recensione di Roland BK-9.
  • Numero 4 del 2014: una curiosa segnalazione di V3 Desktop, un arranger insolito e innovativo prodotto da V3 Sound, costruttore austriaco che realizza strumenti capaci di produrre sonorità e sequenze autentiche ed originali.

Per maggiori dettagli su questa notizia, fate riferimento all’articolo web pubblicato sul sito dell’editore.

Stili in regalo da Korg Italy – Volume 21 e Volume 22

Posted in Korg by Renatus on 10 agosto 2014
Stili gratuiti per arranger Korg di ultima generazione

Ancora stili gratuiti per arranger Korg di ultima generazione

A distanza di due mesi dalla pubblicazione del Volume 20, ecco che Korg Italy rilascia altre due raccolte di stili gratuiti per i possessori di arranger Korg di ultima generazione.

Arrivano, infatti, in concomitanza le due nuove raccolte di stili (Volume 21 e Volume 22): sono altri due pacchetti di risorse software addizionali che consentono di espandere gratuitamente le capacità di un arranger Korg fra le tastiere uscite negli ultimi quattro anni: Pa3X, Pa900, Pa600, Pa600QT e Pa300.

Volume 21 – Dedicato ai generi musicali Pop e Dance:

  1. Liar Pop
  2. Dare Dance
  3. We Are Dance
  4. Summer Dance
  5. Bailando Dance
  6. Counting Dance

Volume 22 - Dedicato ai generi Pop e Rock, la provenienza di questi stili arriva da Musik Meyer e cioè il distributore nazionale Korg in terra di Germania:

  1. Elton Pop
  2. Liverpool 1
  3. Liverpool 2
  4. 8 Beat Rock
  5. Classic Rock
  6. 69’s Rock
  7. Walk of Rock
  8. Final Rock
  9. Alabama Rock
Tagged with: , , ,

Ketron MIDJPRO: rilascio del sistema operativo v1.03

Posted in Ketron by Renatus on 31 luglio 2014
Ketron MIDJPRO V1.03

Ketron MIDJPRO V1.03

Nello scorso mese di marzo, vi abbiamo riportato la notizia dell’uscita del sistema operativo v1.02 di Ketron MIDJPRO. Ne avevamo fatto cenno in occasione del MusikMesse 2014. Sono trascorsi quattro mesi soltanto: ora siamo qui a riportare l’annuncio della versione 1.03 di questo stesso software.

Potete leggere da voi tutte le novità elencate nella nota di rilascio. Qui limitiamoci a evidenziare le aree principali che sono state migliorate da questa novità:

  • Introduzione della funzione Quick Search nell’ambiente Playlist.
  • Altre piccole funzioni di arricchimento di Playlist: Append Item, Select All, Drag&Drop.
  • Inoltre MIDJPRO ricorda l’ultimo file selezionato permettendo così l’ingresso e l’uscita dal menu senza caricare nuovamente la Playlist.
  • Al fine di render più potente la possibilità di personalizzazione dello strumento, altri parametri possono essere memorizzati nel salvataggio del Custom Startup.
  • MIDJPRO ora offre il supporto e la completa gestione dei file PDF per visualizzare spartiti e testi.
  • Esiste poi la nuova possibilità di distinguere quanto è visibile sul proprio schermo rispetto quanto è presente sul monitor collegato all’uscita video.

In aggiunta a queste migliorie principali, la terza versione del sistema operativo di Ketron MIDJPRO include altri arricchimenti e, naturalmente, diversi guasti software sono stati risolti.

Fate clic qui per accedere alla pagina da cui potete scaricare il nuovo sistema operativo. Le istruzioni sono ivi riportate, con grande chiarezza.

Tagged with:

Sostituire l’unità floppy-disk di Roland E-86 con un lettore di memorie flash USB

Posted in Roland by Renatus on 22 luglio 2014

Oggi il nostro spazio è a disposizione di un prezioso contributo che ho ricevuto qualche giorno fa dall’amico di questo blog Mario D’Apote. Il tema è la sostituzione dell’unità floppy disk per dotare il proprio arranger Roland di una comodissima unità di lettura delle memorie flash USB. E’ un argomento altamente gettonato in questo blog, al punto che il mio precedente articolo in materia sta ancora rappresentando in assoluto una delle pagine più lette e rilette di tutto il blog http://tastiere.wordpress.com.

Il lavoro di Mario è straordinario, in quanto ci racconta – con tutti i dettagli operativi – la procedura di installazione di un lettore USB su un arranger Roland, argomento delicato in quanto questa operazione, a differenza degli altri costruttori, richiede alcuni accorgimenti tecnici particolari. La procedura è garantita da Mario stesso che l’ha sperimentata personalmente in diverse occasioni. Del resto, ci sono così tanti arranger Roland in circolazione: sono convinto che queste informazioni risulteranno utili a numerosi lettori di questo blog. La speranza è che questa iniziativa invogli altre persone a condividere la propria parte mettendo in rete le procedure di modifica di altre tastiere anche di produttori diversi, specificando tutto dall’inizio alla fine.

Se, dopo la lettura, avete qualche domanda tecnica, potete inviare un messaggio direttamente a Mario D’Apote oppure potete inserire i vostri commenti qui sotto in questo articolo.

_______________________________________

Ciao a tutti.

Come promesso a Renato e agli altri amici di questo blog, ho scritto volentieri questo articolo dedicato alla modifica del lettore di floppy disk della Roland E-86 con un emulatore USB. Tenendo conto che Roland E-86 monta un lettore floppy disk CHINON FZ–357, ecco a voi le istruzioni passo passo per riportare alla modernità il vostro vecchio arranger.

Innanzitutto procuratevi un emulatore di floppy disk Gotek (SFR1M44-U100K USB Floppy Drive Emulator -Black. Potete acquistarlo su Internet, per esempio su Amazon in questo link è in vendita ora al prezzo di 33 dollari USA (poco meno di 25 Euro al cambio attuale).

Nella foto 1 è rappresentato l’emulatore, così come vi arriva. Una volta ricevuto il dispositivo, va modificato per renderlo compatibile con gli arranger Roland.


Svitate le viti per aprire il coperchio e fate le saldature per cortocircuitare Pin1 con Pin2 con un filo di rame come da foto 2.


Passate poi a modificare i Jumper (si tratta cioè di mettere i ponticelli) nel modo illustrato nella foto 3: mettete i ponticelli come segnato dalla linea bianca mentre si vede il cortocircuito del Pin1 e Pin 2 segnato con una linea nera. Vi suggerisco di ingrandire la foto per vedere meglio questi dettagli.


Ingrandendo la foto infatti, potete osservare bene come vanno posizionati i jumper (JA _S1 _MO) che troverete nella confezione dell’emulatore insieme al mini CD.

A questo punto rimontate tutto. E’ il momento di passare all’arranger Roland E-86.


Prima di smontare l’unità del lettore di floppy disk, prendete carta e penna e segnatevi tutto. La prima cosa che dovete notare è il cavo flat dove è presente una striscia rossa: ebbene dovete invertire quel cavo vale a dire lo dovete montare nel lettore USB al contrario di come l’avete trovato inizialmente; notate nella foto dove è stato saldato Pin1 con Pin2.

In questa foto si nota bene sia il cavo che i jumpers.


Quando rimontate il lettore USB su Roland E-86 smontate la basetta in ferro che trovate sul lettore floppy disk e mettetela sul nuovo lettore USB.

Adesso il lavoro sulla tastiera è terminato e potete procedere con la formattazione di una penna USB.

Nel mini CD in dotazione dell’emulatore, potere reperire il software V_123 SFD.exe: copiatelo sul vostro PC. Prestate attenzione: il software è sicuramente compatibile con Windows XP, mentre alcune persone hanno segnalato problemi con Windows 7.

Procuratevi la penna USB da formattare: non deve essere più grande di 2GB e non più piccola di 256MB. Una volta formattata la penna USB, ottenete 100 floppy disk virtuali.

Ogni volta che inserite la memoria USB, seguite questi passi:

  • Avviate START – CLOSE del programma software.
  • Quindi selezionare un numero per iniziare (ad esempio 0).
  • Copiate i vostri file sulla penna USB (tipicamente Standard MIDI file)
  • Selezionate CLOSE.

Estraete quindi la penna USB dal PC con la normale procedura ed inseritela nel nuovo lettore USB che avete appena installato sulla tastiera.

Accendete il vostro arranger Roland e aspettate qualche secondo perché finisca di lampeggiare.

E il gioco è fatto. Penso di avervi detto tutto, mando un saluto a tutti.

Ciao!
Mario

dapotemario51@gmail.com

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 79 follower