Tastiere arranger

Benvenuti!

Cronologia degli arranger workstation Yamaha

with 3 comments

La tabella è aggiornata al mese di luglio 2015, data di ultima modifica di questo articolo: la tecnologia galoppa e Yamaha aggiorna frequentemente (a volte anche troppo) la propria collezione di tastiere.

Anno di uscita Modello Categoria
1997 PSR-8000 Tastiera portatile a 61 tasti
1999 PSR-740 Tastiera portatile a 61 tasti
1999 PSR-9000 Tastiera professionale a 61 tasti
2000 PSR-9000PRO Tastiera professionale a 76 tasti pesati
2001 PSR-2000/1000 Tastiera portatile a 61 tasti
2002 PF-1000 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2002 Tyros Tastiera professionale a 61 tasti
2003 CVP-202/210 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2003 PSR-2100/1100 Tastiera portatile a 61 tasti
2004 CVP-301/309 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2004 PSR-3000/1500 Tastiera portatile a 61 tasti
2005 Tyros 2 Tastiera professionale a 61 tasti
2007 PSR-S900/S700 Tastiera portatile a 61 tasti
2007 CVP-409/407/405/403/401 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2008 Tyros 3 Tastiera professionale a 61 tasti
2009 PSR-S910/S710 Arranger workstation a 61 tasti
2009 CVP-501/503/ 505/509 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2010 Tyros 4 Tastiera professionale a 61 tasti
2011 PSR-S650, PSR-A2000 Tastiere portatili a 61 tasti
2012 Tyros 4 10th Anniversary Tastiera professionale a 61 tasti
2012 PSR-S950/S750 Arranger workstation a 61 tasti
2013 CVP-601/605/609 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2013 Tyros 5 Arranger workstation a 76 oppure 61 tasti
2015 PSR-S670 Tastiera portatile a 61 tasti
2015 PSR-S970/S770 Arranger workstation a 61 tasti
2015 CVP-701/705/709 Pianoforte digitale con funzioni di arranger

Tutte le tastiere di cui sopra condividono la stessa filosofia, alcune hanno display LCD a colori, altri hanno schermi retro-illuminati monocromatici, ma la pagina a video è tutto sommato la stessa e presenza funzioni analoghe. Fondamentalmente l’hardware si divide in tre categorie: tastiere portatili, tastiere professionali, pianoforti digitali. Ma le funzioni operative sono essenzialmente le stesse, cambia la disponibilità: le tastiere professionali hanno un numero elevato di funzioni e di porte di comunicazione con l’esterno, i pianoforti digitali hanno una bella tastiera pesata ad 88 tasti e un mobile come si deve. Con il passare degli anni, i nuovi modelli hanno aumentato il patrimonio tecnologico di bordo: porte USB, registrazione audio, Mega Voice, Super Articulation Voice, MP3, … Ma la continuità di base del sistema operativo permette ai musicisti di cambiare il proprio strumento senza “partire da zero”. E non dimentichiamo la piena compatibilità degli stili della sezione arranger: praticamente sui recentissimi modelli è possibile caricare tutti gli stili di fabbrica di tutti i modelli Yamaha precedenti dal 1997 ad oggi. E, salvo recentissime eccezioni, suonano tutti divinamente bene.

Yamaha PSR8000 – Il capostipite

Written by Renatus

5 aprile 2010 a 20:33

Pubblicato su Yamaha

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Manca la serie 500 dei clavinova CVP.

    PIANO.com

    9 maggio 2010 at 11:19

  2. OK, Piano.com
    Ho aggiunto la serie CVP-500.
    Grazie della segnalazione!
    Renato

    Renatus

    9 maggio 2010 at 22:50

  3. […] Cronologia degli arranger workstation Yamaha […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: