Tastiere arranger

Arranger, tastiere da suonare con stile

Cronologia degli arranger Korg

with one comment

La tabella è aggiornata a settembre  2015: la tecnologia galoppa e Korg aggiorna frequentemente (in questi ultimi tempi, anche troppo) la propria collezione di tastiere.

Anno di uscita Modello Categoria
1983 SAS-20 Tastiera professionale a 61 tasti
1993 i3 Tastiera professionale a 61 tasti
1994 i2 Tastiera professionale a 76 tasti
1995 i1 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
1995 i4S/i5S Tastiera portatile a 61 tasti
1995 i5M Modulo arranger
1997 iX300 Tastiera professionale a 61 tasti
1998 iS40/iS50 Tastiera portatile a 61 tasti
1998 i30 Tastiera professionale a 61 tasti
1999 i40M Modulo arranger
1999 iS35/iS50B Tastiera portatile a 61 tasti
2000 Pa80 Tastiera professionale a 61 tasti
2002 Pa60 Tastiera professionale a 61 tasti
2003 Pa1X Pro Tastiera professionale a 76 tasti
2004 Pa1X Tastiera professionale a 61 tasti
2004 Pa50 Tastiera portatile a 61 tasti
2006 Pa800 Tastiera professionale a 61 tasti
2007 Pa2X Pro Tastiera professionale a 76 tasti
2008 Pa500 Tastiera portatile a 61 tasti
2008 Pa588 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2009 Pa50SD Tastiera portatile a 61 tasti
2011 microARRANGER Tastiera portatile a 61 minitasti
2011 Pa3X Pro/Pa3X Tastiera professionale a 76 o 61 tasti
2012 Pa600 Tastiera professionale a 61 tasti
2013 Pa900 Tastiera professionale a 61 tasti
2014 Pa300 Tastiera portatile a 61 tasti
2014 Pa3X Le Tastiera professionale a 76 tasti
2015 Havian 30 Pianoforte digitale con funzioni di arranger
2015 Pa4X Tastiera professionale a 76 o 61 tasti
2015 Liverpool Tastiera portatile a 61 minitasti

_

A parte un primo tentativo isolato nel 1983, è con il capostipite i3 del 1993 – dieci anni dopo – che Korg entra seriamente nel mercato degli arranger, ultimo marchio che prova a cimentarsi in un mondo che fino ad allora era dominato da Roland, Yamaha, Technics, Solton/Ketron e GeneralMusic.

Da quell’anno, è stato un crescendo per Korg.

Tutte le tastiere di cui sopra condividono la stessa filosofia, alcune hanno display LCD a colori con touch screen, altri hanno schermi retro-illuminati monocromatici, ma la pagina a video è tutto sommato la stessa e presenza funzioni analoghe. L’hardware è prevalentemente orientato alla configurazione della workstation portatile, in taluni casi sono presenti gli amplificatori di bordo. La filosofia essenzialmente si equivale in ogni modello, cambia la disponibilità di caratteristiche: le tastiere professionali hanno un numero elevato di funzioni, qualità di tasti superiori, un numero maggior di porte di comunicazione verso l’esterno, lo schermo motorizzato e il processore vocale TC Helicon. Con il passare degli anni, i nuovi modelli hanno aumentato il patrimonio tecnologico di bordo.

La continuità di base del sistema operativo si è stabilizzata dai primi anni duemila e da allora permette ai musicisti di cambiare il proprio strumento senza “partire da zero”, sebbene il sistema operativo Korg non abbia mai brillato per usabilità e semplicità.

La compatibilità degli stili della sezione arranger è garantita sempre in avanti: i nuovi modelli possono caricare gli stili precedenti, non viceversa.

Grazie al totale dominio di ogni parametro, questi arranger sono da sempre i prediletti di chi ama personalizzare i propri suoni e le proprie esibizioni, di chi non si accontenta delle configurazioni di fabbrica ma ama esplorare a fondo.

Per saperne di più, visitate il sito del produttore italo-giapponese.

Korg i3 - Il capostipite

Korg i3 – Il capostipite

settembr e

Advertisements

Written by Renatus

21 ottobre 2014 a 21:00

Pubblicato su Korg

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] Veniamo ora a noi: per i felici possessori di Pa80, nel 2008 Korg Italy aveva rilasciato un programma software di utilità per PC che aveva lo scopo di convertire i dati utente personalizzati su quello strumento per renderli disponibili anche su modelli di arranger successivi. Ora la novità del 2017 sta nel fatto che, nel mese di gennaio scorso, Korg Italy ha pubblicato la versione aggiornata 1.10 di quel software: si chiama Converting PA80 Card e funziona su tutte le più recenti versioni di PC con Microsoft Windows 7, 8 e 10. I dati salvati su Pa80 possono essere ora convertiti e riportati su Pa4X, Pa3X, Pa300, Pa600, Pa900, Pa3XLe, Havian 30, Pa2X Pro, Pa800 e Pa1X Pro. […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: