Tastiere arranger

Benvenuti!

Troppa tecnologia = meno musica

with 6 comments

Con l’ausilio di un solo pianoforte acustico o di una chitarra a sei corde sono state composte le musiche e le melodie più belle di tutti i tempi. Con un antiquato registratore a quattro tracce, i Beatles hanno prodotto i loro primi capolavori. E’ inevitabile: l’assenza di comodità costringe il nostro cervello a lavorare di più, costringe il nostro cuore a battere con maggiore passione, costringe i nostri sensi a raddrizzare le antenne alla ricerca di stimoli nuovi.

L’assenza di risorse produce creatività.

Qualcuno sostiene che l’età dell’oro della musica sia alle nostre spalle: e questo concetto dovrebbe riguardare sia la musica classica, sia il rock. Molti sostengono che la musica vintage sia soltanto un ricordo e difficilmente potremmo renderlo nuovamente attuale.

Onestamente io questo non lo so. Quello però che posso costatare è come quella musica straordinaria di un tempo sia stata realizzata con strumenti limitati e con tecnologie datate, nulla a che vedere con la vastissima offerta di gingilli tecnologici che abbiamo a disposizione oggi; e a buon mercato rispetto un tempo.

Significherà pur qualcosa?

E allora quando pensate di non riuscire a fare buona musica perché il vostro arranger ha delle lacune e pensate di fare un salto di qualità solo acquistando uno strumento di categoria superiore, bene… tirate un bel sospiro e pensateci per un attimo. Attenzione: non dico che sia sbagliato comprare una tastiera più aggiornata e dotata di una scheda tecnica più ampia e innovativa. Vorrei solo esprimere un’altra prospettiva: voglio dire, non basta investire esclusivamente sul ferro e sulla plastica, conviene prima di tutto investire su noi stessi. Esercitarci a suonare, studiare a fondo lo strumento che si possiede ora, cercare l’ispirazione di nuova musica dentro noi stessi, nelle persone che ci circondano e nelle esperienze reali della nostra vita. Investire su noi stessi è il primo passo.

Prima la persona, poi lo strumento. Solo con questa logica, l’acquisto di una tastiera di ultima generazione potrà dare frutti e soddisfazioni migliori.

Esercitarsi, esercitarsi, esercitarsi

Esercitarsi, esercitarsi, esercitarsi

Written by Renatus

4 gennaio 2015 a 19:45

Pubblicato su argomenti vari

Tagged with , ,

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ciao Renatus! Bellissimo il diagramma di flusso sotto riportato! Ciao.Paolo

    altamareaduo

    4 gennaio 2015 at 22:08

    • Ciao Paolo, grazie del commento. Quando ho trovato quel diagramma sul web, non ho potuto fare a meno di condividerlo qui.

      Renatus

      5 gennaio 2015 at 20:20

  2. Salve
    Seguo da diversi anni il vostro blog ma non ho mai inserito commenti.
    Esatto, condivido pienamente.
    Non basta avere uno strumento da 2/3000 euro, inserire il “dischetto” o la chiavetta usb con le basi e magari far finta di suonare.
    Se si conosce a fondo lo strumento e si ha un po’ di fantasia si ottiene di più e ci si diverte molto.
    Buana musica a tutti.

    Massimo

    8 gennaio 2015 at 16:43

    • Grazie dell’attenzione a questo blog, Massimo.
      Sono contento di sapere che siamo sulla stessa lunghezza d’onda in merito alle tue considerazioni.

      Renatus

      8 gennaio 2015 at 18:20

  3. […] ancora suonare lo strumento o se siete ancora alle prime armi, lasciate perdere all’inizio la tecnologia digitale e non esitate piuttosto a cercare un maestro che vi imposti e vi passi le conoscenze e le pratiche […]

  4. […] Troppa tecnologia = meno musica […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: