Tastiere arranger

Arranger, tastiere da suonare con stile

Posts Tagged ‘ralf schink

Dexibell XMURE: l’arranger del futuro?

leave a comment »

Dexibell XMURE Touch

Che cosa è XMURE e perché dovrebbe interessare gli appassionati di arranger?

Perché è un arranger, a tutti gli effetti: profondamente diverso dai predecessori, ma rende possibile l’esecuzione di accompagnamenti pilotati da accordi suonati in tempo reale.

A differenza degli arranger tradizionali, qui tutti i pattern sono in formato audio. Avete letto bene: formato audio.

Che cosa ci potete fare? Diciamo le funzioni essenziali di un tradizionale arranger:

  1. suonare gli accordi e gli accompagnamenti automatici vi seguiranno
  2. sfruttare i pattern esistenti per creare le vostre canzoni
  3. ri-arrangiare i brani preferiti
  4. registrare un brano in formato audio multi-traccia
  5. di più: importare la sequenza di accordi in formato XML da una sorgente esterna perché pilotino i pattern di accompagnamento

Dexibell XMURE è un’applicazione software che gira fondamentalmente su dispositivi portatili Apple (praticamente: iPhone e iPad) e che voi poi potete usare secondo modalità diverse, dovete ritenete opportuno.

Vi sembra troppo e volete usare XMURE in modo più vicino alla modalità tradizionale? Bene, procuratevi un pianoforte digitale Dexibell della serie VIVO e l’app XMURE TOUCH. Collegate il vostro iPhone/iPad tramite un cavo USB con adattatore per fotocamera da Lightning a USB e cominciate a suonare. Oltre al riconoscimento degli accordi, su uno strumento Dexibell potrete utilizzare i controlli già predisposti e dedicati: le funzioni Assign Switch e Function Pedals sono disponibili su VIVO per pilotare l’applicazione.

Avete invece sottomano una tastiera digitale di altri marchi? Procuratevi allora l’app XMURE INSTRUMENT. Tutto funziona come se aveste un pianoforte Dexibell, le differenze saranno dovute all’assenza dei controlli dedicati e alla necessità di acquistare le risorse necessarie a parte dall’Apple Store.

Non avete a disposizione alcun strumento digitale a tastiera? Beh, usate XMURE TOUCH direttamente sul vostro iPhone o iPad, e arrangiate le tracce della vostra musica preferita sfruttando gli innumerevoli pattern musicali.

Io credo che XMURE meriti la nostra attenzione. Torneremo sull’argomento, intanto godiamoci insieme questa dimostrazione di Ralf Schink.

Written by Renatus

8 giugno 2017 at 21:16

Pubblicato su Dexibell

Tagged with , , , ,

MusikMesse 2017: lo stand Dexibell

with 5 comments

Dexibell Combo J7 (foto di Mario Jr Restagno)

Questa nuova casa di produzione di strumenti e idee musicali, nata sulle ceneri di Roland Europe, sta guadagnando numerosi consensi grazie agli innovativi pianoforti della serie Vivo, celebri per il design unico e la polifonia illimitata. E qui a Francoforte ha portato altri frutti della propria ricerca di innovazione: l’organo liturgico digitale Classico L3 e il freschissimo Combo J7 nato per conquistare i cuori di chi ama i suoni d’organo Hammond introducendo dinamiche sorprendenti grazie a inediti drawbar motorizzati.

Ora, grazie al contributo di Riccardo Gerbi, sono riuscito a confrontarmi personalmente con due persone-chiave del mondo Dexibell e che da tempo volevo conoscere: Luigi Bruti e Roberto Gaetani. Grazie a questi incontri ho potuto finalmente realizzare la genialità di questa azienda, nel momento in cui ha dato la luce ad un prodotto innovativo, in grado di ridefinire lo scenario musicale del futuro per gli appassionati di arranger: XMURE.

XMURE è la soluzione del produttore marchigiano di fronte al rischio di precoce invecchiamento di cui soffrono spesso le sezioni di accompagnamento automatico. E’ un fenomeno che si fa sentire maggiormente sui prodotti dalla vita piuttosto lunga come sono i pianoforti digitali. La buona notizia di Dexibell è quella di aver reso la sezione arranger “mobile”, in linea con i tempi moderni che corrono. La dimostrazione personale a cui ho assistito mi ha convinto della bontà di questa idea. Non siamo di fronte ad un nuovo arranger MIDI, ma di fronte ad una applicazione che, sotto il dominio totale dell’audio, permette di ottenere validi risultati: trattasi di accompagnamenti audio pilotati da accordi suonati dal vivo e riutilizzabili in diverse modalità: Dexibell non si è limitata a rendere disponibili gli accompagnamenti automatici sui pianoforti Vivo; l’XMURE è scaricabile dallo store Apple ed è in grado di vivere di vita propria: può essere suonata su altri strumenti a tastiera, anche della concorrenza, e può essere anche utilizzata con semplicità su un iPhone e molto di più.

Credo che XMURE meriti un maggiore approfondimento. Mi sono ripromesso di farlo.

Per la cronaca, è stato bello ricordare insieme a Luigi Bruti la memoria di Ikutaro Takehashi, il fondatore di Roland Corporation e leader ispirato e sognatore che ha fatto la storia della musica digitale e del MIDI negli ultimi 30 anni. La gratitudine verso Takehashi in questo caso ha un significato speciale, vista la storia originaria di Roland Europe.

Lo stand Dexibell brillava di altre vecchie conoscenze del mondo Roland, non solo Bruti e Gaetani: mi ha fatto molto piacere vedere anche Ralf Schink dal vivo, nell’occasione per dimostrare le buone qualità del nuovo organo digitale Combo J7.

Written by Renatus

8 aprile 2017 at 21:36