Tastiere arranger

Arranger, tastiere da suonare con stile

Posts Tagged ‘sd9

Arranger: touch-screen e controlli fisici

with one comment

Vi siete mai guardati bene mentre suonate la vostra tastiera arranger? Con le dita toccate tasti bianchi e neri, premete pulsanti sul pannello, muovete cursori, sfiorate le superfici dei pad, agite sul joystick, ruotate la manopola del volume e, con i piedi, schiacciate il pedale tonale o quello dell’espressione. In breve: comandate l’esecuzione strumentale e artistica tramite contatti fisici.

Tecnologia digitale in movimento

Il punto non è banale, come potrebbe sembrare. La tecnologia digitale è, per definizione, in continuo movimento: dagli anni ’80 in poi, l’industria ha ricercato e realizzato soluzioni di usabilità ispirandosi a principi innovativi di semplicità e rapidità d’uso. Tale ricerca continua ancora oggi. Non siamo ancora arrivati ad un punto fermo, anche se il touch-screen sembra essere diventata la soluzione standard de facto per un’interfaccia d’uso moderna e intuitiva.

Sembra. Ma è davvero così?

Era tutto cominciato con i dispositivi dei bancomat e degli sportelli informativi. Poi è dilagato sui dispositivi mobili, sui navigatori satellitari e sulle console portatili dei videogiochi. Successivamente è toccato a smartphone, tablet e PC. La tradizionale tastiera fisica QWERTY (o AZERTY nei paesi francofoni) sta cedendo il passo: il numero di dispositivi digitali che emulano la tastiera sul touch-screen è in crescita inesorabile.

Ma, venendo a noi, e gli strumenti musicali? Le tastiere digitali hanno veramente bisogno di uno schermo touch-screen? Vediamo insieme alcuni esempi tratti dal mercato reale.

Korg i30, nel 1998 è stato il primo arranger dotato di schermo touch-screen

Arranger con touch-screen

Grande estimatore dello schermo touch-screen è Korg. Sin da quando è stato lanciato sul mercato i30 (nel 1998), tranne un ripensamento con Pa80, questa scelta è diventata un punto fermo della casa giapponese. Schermi tattili sono montati su tutti i modelli della serie Pa: non solo sui modelli più elevati come Pa4X e Pa900, ma anche su quelli più economici come Pa600 e Pa300. Del resto, il sistema operativo di queste macchine è articolato e offre notevoli profondità di programmazione, permettendo di agire su un vasto numero di dettagli. L’elenco dei parametri configurabili è così elevato da richiedere necessariamente il ricorso a numerose pagine video: in queste condizioni non riuscirei nemmeno ad immaginarmi un arranger Korg senza uno schermo tattile.

La scelta tecnologica di passare al touch-screen è stata fatta recentemente anche da Ketron con SD7 nel 2015. E ora ha stabilito di estenderla anche a SD9. Rispetto la serie Audya, ora gli arranger del produttore di Ancona si presentano con un pannello più moderno e spoglio di pulsanti.

Non è un caso che anche il produttore “più tecnologico” di tutti, abbia introdotto lo schermo touch-screen. Mi riferisco ovviamente a Casio che, pur facendo ricordo ad una qualità costruttiva più contenuta, ha applicato la propria soluzione di schermo sensibile al tocco su MZ-X500 e MZ-X300 riprendendo il buon lavoro fatto sui pianoforti digitali della serie Privia.

Ci sono altri costruttori di strumenti musicali che hanno fatto una scelta diversa.

Arranger senza touch-screen

Chi non intende rinunciare ai controlli fisici, potrà trovare sempre più interessanti gli arranger di casa Yamaha (Tyros e PSR-S). Questi strumenti montano gli schermi a colori più attraenti sul mercato, eppure non sono touch-screen. Per agire sulle funzioni, occorre premere i pulsanti posti accanto e sotto lo schermo stesso: sulle pagine video, sono chiaramente indicati quali pulsanti premere per quali finalità. L’interattività è immediata, la semplicità d’uso è a portata di mano e, in breve tempo, è possibile diventare operativi. Quasi ad occhi chiusi.

Roland E-A7 è un arranger in cui spicca con chiarezza la scelta progettuale di portare all’estremo il numero di parametri disponibili sotto il controllo fisico a pannello, rendendo immediato l’accesso ad un numero elevato di funzionalità e senza costringere alla navigazione sui classici menu a video.  Anzi, se vogliamo dirla tutta, E-A7 dispone di due schermi minuscoli e, in questo senso, la scelta si contrappone alla brillantezza dei display presenti sugli strumenti Yamaha. Tuttavia, l’ergonomia non è stata penalizzata: al contrario, i rinomati concetti di usabilità di Roland sono ora fondati sul solo uso di pulsanti e manopole a pannello. E’ una scelta progettuale diversa e, se vogliamo, contro-corrente, ma non per questo è da sottovalutare.

Roland E-A7: un pannello affollato di pulsanti e controlli fisici

Questione di scelte

I musicisti abituati a cose semplici ed immediate, quelli alla ricerca della massima interattività e i musicisti non vedenti potrebbero essere in difficoltà con l’uso del touch-screen: per tutti costoro, la scelta dei controlli fisici a pannello continua ad essere la scelta più favorevole. Non mi stupisce, d’altra parte, che nativi digitali, patiti degli smartphone ed appassionati delle ultime tecnologie in genere, possano prediligere le tastiere digitali dotate di schermi tattili.

Ad ognuno il suo. E mi piace costatare come sia confortante poter ancora scegliere.

Written by Renatus

15 giugno 2017 at 20:00

MusikMesse 2017: panorama sullo stato dell’arte degli arranger

with 3 comments

MusikMesse 2017 a Francoforte (Germania) – Tutte le foto in questo articolo sono di Mario Jr Restagno

L‘appuntamento principale dell’anno per gli arranger

Chiusi i cancelli del MusikMesse 2017 e completata la rassegna degli espositori di arranger, è giunto il momento di tirare le somme anche in questo blog. Dal punto di vista della partecipazione del pubblico, ascoltando gli espositori e gli addetti ai lavori, esce un quadro che possiamo descrivere con il termine “decrescita” rispetto gli anni passati. C’è stato un tempo in cui il MusikMesse era l’appuntamento mondiale più importante nell’anno per i produttori di strumenti musicali. Poi, con il trasferimento delle produzioni in Asia e con la scomparsa di molti marchi europei blasonati, questa fiera si è trasformata in un evento regionale a favore del Winter NAMM americano. Altre riflessioni andrebbero poi fatte sulla diversa importanza che possono assumere le fiere tradizionali ai tempi di Internet.

Tuttavia, per quanto concerne l’argomento principe di tastiere.wordpress.com, sappiamo che la realtà degli arranger prende vita fondamentalmente in Europa. E quindi per noi, la fiera di Francoforte resta ancora l’appuntamento principale per fare il punto sullo stato dell’arte di questo comparto produttivo di strumenti musicali, dopo un anno di totale assenza di nuove proposte da parte di chicchessia.

In sintesi, ripercorriamo insieme le novità più rilevanti.

Marcello Colò di Ketron suona SD9

Ketron

Per i musicisti più esigenti, SD9 è il prodotto arranger da seguire al momento. Contiene il Launch Pad, una modalità innovativa di fare musica dal vivo e in studio che permette di integrare con semplicità audio, MIDI, stili e tutte le risorse della macchina. Osservare un’azienda che investe e propone nuove tecnologie è sempre un buon segno di vitalità: chissà che Ketron non riesca a fare il botto sul mercato a livello internazionale. Per fare questo passo, servirà investire molto sulla comunicazione: vedremo in questo senso se l’azienda di Ancona saprà far fruttare questa ghiotta occasione.

Lo stand Dexibell

Dexibell

Per gli amanti del genere arranger, Dexibell ha in serbo l’arranger del domani. Non sarei sorpreso se XMURE diventasse la porta del futuro per gli appassionati degli accompagnamenti automatici. Questa applicazione permette di suonare alla vecchia maniera su un hardware specifico (i pianoforti digitali VIVO) ma allo stesso tempo sull’hardware di qualsiasi prodotto della concorrenza o su un tablet o iPhone. Insomma l’arranger è diventato “mobile” e questa scommessa potrebbe avere davvero un luminoso destino: molto dipenderà dalla vastità del repertorio di stili che saranno messi a disposizione dei musicisti.

Orla

Luca Serenelli di Orla suona Grand 500

Per chi suona i pianoforti digitali con arranger, la novità in fiera si trovava presso lo stand Orla, dove è avvenuto il lancio di Grand 500. L’azienda di Recanati ha investito molto per rinnovare il parco suoni e il proprio repertorio di stili per arranger. Ora le risorse di sistema e l’usabilità cominciano ad essere valori interessanti e questo pianoforte codino molto elegante potrebbe accrescere la clientela dello storico produttore di strumenti musicali.

Ralph Maten di Casio suona MZ-X500

Casio

Abbiamo visto all’opera MZ-X500 e siamo rimasti favorevolmente impressionati dalla potenza sonora di uscita di questa macchina Casio. Finora gli arranger di questa casa erano rimasti sempre confinati nel circolo del puro divertimento. Stavolta invece abbiamo un prodotto con un valido arsenale sonoro e che, a fronte di un importante ridimensionamento dei prezzi, potrebbe far gola ad una nuova categoria di musicisti, forse più vicini al mondo dei DJ che a quello dei tipici tastieristi. Questi ultimi avrebbero bisogno di un repertorio di stili preset più vasto e qualche suono di strumenti acustici in più. Chissà che Casio non lo faccia succedere un domani.

Kawai

Nessuna novità, ma una conferma per i pianoforti digitali arranger di casa Kawai: con ES8 abbiamo a disposizione un buono strumento realizzato da una delle case più importanti al mondo nello specifico del pianoforte.

Korg

Nessuna novità arranger per Korg che ha delegato la propria presenza al distributore nazionale tedesco, esponendo in fiera Pa4X Pro Musikant e Pa900. Personalmente non sarei sorpreso di vedere nei prossimi mesi qualche movimento nell’ambito della serie Pa (Professional Arranger).

Danilo Donzella di Yamaha suona PSR-EW300

Yamaha

Concludiamo con i più grandi, con Yamaha. La casa giapponese ci ha abituato a seminare sempre qualcosa in ogni fiera. La vastità di modelli a catalogo viene alimentata dalla varietà di prodotti che sembrano essere cuciti su misura per ogni tipo di esigenza. Stavolta le novità erano solo nel settore delle tastierine: se da una parte PSR-E263 e PRS-E363 erano già state annunciate al Winter NAMM lo scorso gennaio, dall’altra PSR-EW300 è un’autentica novità. Il mercato di questo segmento di prodotti funziona sempre e Yamaha ha una marcia in più rispetto tutta la concorrenza: anno dopo anno, sta rivestendo questi prodotti di suoni di ottima qualità e derivati dai modelli superiori. A prezzi molto bassi, è possibile oggi portarsi a casa uno strumento portatile che suona davvero bene, cosa impensabile fino a qualche anno fa.
A Yamaha spetta il merito poi di aver portato in fiera uno strumento davvero nuovo: ha inventato Venova nato dalla metamorfosi di un sax tenore in uno strumento leggero e poco impegnativo che potrebbe trovare spazio nelle scuole. Non potrà sostituire il classico flautino, ma diventare uno strumento economico e cool da suonare in ogni dove.

E gli assenti?

Onestamente, mi sarei aspettato di trovare Wersi e Deebach: non eravamo forse in Germania? Non li ho trovati e ci sono rimasto un po’ male. Ma la grande assenza più rumorosa è quella di Roland. Questa volta Roland non si è assentata solo dagli arranger, si è eclissata del tutto. Non l’abbiamo vista in fiera. A dire il vero, queste defezioni non sono un sintomo negativo in sé: potrebbe essere il segnale che è giunto il momento di serrare le fila, concentrando gli investimenti su altro rispetto le fiere. Nonostante tutto, vogliamo essere fiduciosi.

E alla fine…

Raccontarvi il MusikMesse 2017 è stata una bella avventura. Non mi era mai capitato di scrivere due articoli al giorno per quattro giorni di fila. UNA FATICACCIA, credetemi!
Ringrazio i compagni che hanno condiviso con me questa impresa. Mario Jr Restagno che ha scattato le foto per il blog (se non fosse stato per lui avrei anche corso il rischio di perdermi lo stand Korg visto che era defilato rispetto il padiglione principale) e Riccardo Gerbi che mi ha introdotto in tutte le dinamiche di questo evento a lui famigliare da diversi anni: l’ho visto all’opera nella registrazione di numerosi filmati video in uscita sul canale YouTube di AudioFader e ve ne consiglio la visione. A proposito di AudioFader… tornate in questo blog e presto ve ne racconterò delle belle.

Grazie a tutti voi cari lettori per l’attenzione rivolta a questo blog: il contatore di clic in questi giorni sembra essere impazzito.  La vostra cortesia nella lettura è il motore che continua a spingermi e a farmi tornare qui e a pubblicare qualcosa di nuovo. Solo per voi.

E ora relax per tutti: arrivano finalmente le vacanze pasquali! E voi fate musica dappertutto, dove potete!

 

 

MusikMesse 2017: lo stand Ketron

with one comment

Ketron SD9 (foto di Mario Jr Restagno)

Dulcis in fundo, dopo Yamaha, Dexibell, Casio, Korg, Kawai e Orla, ecco a voi l’ultimo stand della rassegna del MusikMesse 2017: siamo in casa Ketron. Ho vissuto momenti di grandi intensità in questo stand e faccio fatica a scrivere e a raccontare le emozioni vissute. Innanzitutto ho avuto la fortuna di incontrare di persona Marcello Colò, grande musicista, e soprattutto di conoscere sua maestà Sandro Fontanella, il maestro italiano degli arranger che mi ha concesso una bella intervista che pubblicherò prossimamente in questo blog dedicato alle tastiere arranger.

Ma oggi qui, siamo in carrellata degli stand del MusikMesse 2017 (ma quanti articoli ho dovuto scrivere in questi giorni) e ci soffermiamo su SD9, l’arranger più atteso dell’anno. E lo facciamo con l’aiuto delle parole stesse di Marcello Colò che mi ha introdotto personalmente alla novità: “Se dovessi parlarti di un solo aspetto di SD9, sceglierei allora di parlarti di Launch Pad perché è questa l’innovazione richiesta di questi tempi sulle macchine arranger. E’ un ambiente dove puoi lavorare in formato audio, MIDI, modelin, styles, con tutte le risorse interne dello strumento e con tutte quelle che vuoi importare. E’ tutto a portata di mano e può essere integrato con una semplicità allucinante. Nelle mani di un musicista il Launch Pad può assumere tante colorazioni musicali perché lì è soltanto la fantasia che lavora. Assisteremo allo sviluppo di tanto materiale musicale. Suonando dal vivo con il LaunchPad, il musicista potrà eseguire performance musicali straordinarie, cucendo frammenti di brani esistenti. La fantasia del musicista potrà stravolgere un brano in modo diverso in ogni serata. La creatività non avrà più ostacoli. Non sottovalutiamo che, data la sua totale versatilità, il LaunchPad potrebbe essere usato anche in studio per la costruzione originale di nuove composizioni musicali. Noi in Ketron crediamo che, grazie al LaunchPad, SD9 potrebbe attrarre musicisti giovani al mondo degli arranger.  E magari, perché no, anche stuzzicare quei musicisti che sono abituati a lavorare con strumenti diversi da Ketron”.

Si percepisce immediatamente quanto siano stati innovati gli stili su SD9: l’adozione di convertitori di grande qualità permette l’esecuzione di pattern audio dall’indubbio realismo. Questo nuovo strumento Ketron offre una qualità di definizione di gran lunga superiore alla serie Audya che già non scherzava.

Continua il racconto Marcello: “Dal punto di vista dell’usabilità, rispetto ad Audya che aveva una dotazione di 100 pulsanti, SD9 si è ridotta ad una ventina di pulsanti e il controllo avviene tramite lo schermo touch screen. Il monitor a colori permette di semplificare le operazioni di controllo dei suoni, degli stili e delle registration per ottenere la fotografia istantanea di quello che il musicista intende suonare in tempo reale. E’ presente un’uscita video DVI convertibile su VGA tramite adattatore. Per chi ha lavorato con Audya in passato e si è creato un Database di stili audio e groove, è importante sapere che tutto il lavoro fatto allora può essere riutilizzato velocemente su SD9: non si perde nulla”.

SD9 è uno strumento che richiederà molti approfondimenti su questo blog, perché è un concetto di arranger unico ed innovativo. Pur restando legato all’hardware, Ketron ha fatto passi da gigante ed ora offre sul mercato uno strumento ad alto contenuto tecnologico che, basandosi sulla semplicità d’uso, intende conquistare i cuori di molti musicisti. Prossimamente riprenderemo la materia e, come promesso, vi riporterò il contenuto dell’intervista di Sandro Fontanella.

E ora, per concludere, approfittiamo ancora una volta dei filmati video di Riccardo Gerbi (a proposito, fatevi un giro sul canale RGTV su YouTube per vedere da voi quanto lavoro ha macinato al MusikMesse in questi giorni il Nostro) ed assistiamo insieme ad una straordinaria esibizione di Marcello Colò, un filmato che sta raccogliendo numerosi consensi sul web. Si tratta di un omaggio al compianto Keith Emerson e merita sicuramente la vostra attenzione. Vai Marcello, vai Ketron SD9.

Written by Renatus

11 aprile 2017 at 07:00

Pubblicato su Ketron

Tagged with , , ,

Ketron SD9: messa a punto con arricchimento, pronta per MusikMesse 2017

with 6 comments

Ketron SD9

Rullano i tamburi che annunciano l’attesa dell’apertura dei cancelli della prossima fiera internazionale di Francoforte, il MusikMesse 2017. Ne approfitta il produttore italiano Ketron per dare risalto alle novità incipienti. L’aspetto più saliente riguarderà una conferma, piuttosto che un annuncio sorprendente: dopo un anno di gestazione, finalmente SD9 è pronta veramente ad uscire sul mercato. Gli ultimi dodici mesi sono serviti per la messa a punto del prodotto che, in effetti, era stato portato in fiera l’anno scorso più a livello di prototipo che come prodotto collaudato e pronto alla commercializzazione.

Questo periodo è servito al centro R&D di Ketron per perfezionare numerosi aspetti e potenziare il data base delle risorse Audio Drum e Live Guitar:

  • Ora la collezioni di suoni è molto più ampia: si parla di 672 suoni GM, 5 banchi di suoni, 61 Drum Sets, 368 Preset Voices, 1500 User Voices.
  • Ci sono oltre 100 Audio Drums stereo, 150 pattern di Live Guitars (Folk Acoustic, Electric, Nylon) e 530 Grooves, gran parte di questi orientati ai ritmi latini e sudamericani.
  • In totale la sezione arranger  comprende ora 400 stili: e 140 di questi sono denominati Live Styles, accedono cioè alle nuove risorse di Audio Drums, Live Guitars e Grooves, a segno di un alto tasso di realismo esecutivo per i musicisti che si esibiscono davanti al pubblico.
  • Di particolare riguardo è la nuova sezione Launchpad che nasce con 1024 progetti, 12 pad, 6 scene e la possibilità di sincronizzare fino a 3 file Wave con il MIDI. Questa interessante applicazione si preannuncia come la più stuzzicante novità, offrendo al musicista più esigente la possibilità di creare sequenze professionali di elevata complessità tramite la gestione combinata di Style Modeling e Real Time Sequencer.

La versione di SD9 che vedrete prossimamente nei migliori negozi di strumenti musicali sarà quindi molto più ricca rispetto quella annunciata un anno fa. E questa è una bella notizia. Ed è comunque, a prescindere, una buona novità.

Conosceremo tutti i dettagli completi della “nuova” Ketron SD9 entro pochi giorni con l’annuncio ufficiale previsto in fiera. Restate sintonizzati!

Godiamoci insieme ora un paio di filmati pubblicati nei giorni scorsi da Marcello Colò di Ketron. Il primo è una vera e propria anticipazione in vista del Musik Messe e il secondo è una dimostrazione degli stili principali da cui si può evincere il grande lavoro svolto per l’inserimento delle tracce Live Guitar, autentico gioiello del patrimonio tecnologico e musicale di casa Ketron.

 

 

Written by Renatus

3 aprile 2017 at 17:15

Pubblicato su Ketron

Tagged with , , , ,

Entusiasmo contagioso nel forum web dei supporti ketroniani

leave a comment »

Il logo di Supporti Ketroniani

Il logo di Supporti Ketroniani

Quanti di voi ricordano l’annuncio che avevamo commentato insieme nell’ottobre 2016 in merito alla nascita del forum Ketron? Bene, oggi torniamo sull’argomento, perché gli avvenimenti hanno registrato un’evoluzione rapida nelle scorse settimane. Date le basi di generosa spontaneità, era inevitabile che l’organizzazione subisse una scossa di assestamento iniziale e che quindi, dopo un avvio esaltante, il gruppo si dovesse ricompattare. E tutto è avvenuto intorno a cinque pilastri fondamentali: Antonio Rizzato (nome di battaglia Nico er Pirata), Eber Dimarti, Luca Scala (noto come Turpe), Filippo Liguori e Pino Palladino (Giupa per gli amici). Il forum ha un nuovo nome Supporti Ketroniani, un’inedita formula grafica e una nuova piattaforma web.

L’impaginazione web sfoggiata del nuovo sito è straripante di immagini e icone: non vi spaventate, vi permette di apprezzare il classico entusiasmo degli esordienti. E’ un segno della schiettezza e della sincerità che i ragazzi dei supporti ketroniani generosamente spendono per dare vita e continuità a questo luogo di condivisione. Sono convinto che, con il tempo, sapranno fare tesoro della loro esperienza e lavoreranno di fino per maturare anche sotto l’aspetto grafico. La piattaforma è quella di Forum Attivo.

Quando una persona si iscrive a Supporti Ketroniani, viene invitato a presentarsi: è un’iniziativa molto simpatica che dà subito un tono caloroso di famigliarità, aiutando la nuova persona ad entrare in contatto facilmente con gli altri membri del forum. Del resto, la lettura delle presentazioni offre uno spaccato realistico del mercato Ketron, permettendo di evidenziare quali sono i prodotti più diffusi e in quali contesti sono utilizzati.

Nella sezione denominata Angolo del bar è possibile parlare di tutto. Al suo interno spicca l’area di scambio risorse: permette di condividere il proprio patrimonio software, suscitando un inevitabile ampliamento del pacchetto di file a disposizione di tutti: l’unione fa la forza! Ci sono registration, audio drum, stili, loop MIDI e così via. Al fine di non rischiare nulla sul piano della legalità, i moderatori del forum sono espliciti e rigorosi nell’invitare tutti i membri a non scambiare MIDI file e SongStyle (stili cioè costruiti su misura di una specifica canzone, di solito partendo da un MIDI file protetto da copyright).  Gli stili scambiati sono tutti originali e costruiti con la tecnica dello Style Modeling presente su SD40, SD9 e SD7 e motivo di gran vanto per Ketron. E’ possibile anche trovare le indicazioni dei forumer più esperti su come modificare i suoni per personalizzare le voci e arricchire il proprio arsenale sonoro secondo le finalità di ciascuno: di norma, queste informazioni sono applicabili a tutte le tastiere Ketron.

Sandro Fontanella (Ketron), Antonio Rizzato (forum), Marcello Colò (Ketron) e Filippo Liguori (forum)

Sandro Fontanella (Ketron), Antonio Rizzato (forum), Marcello Colò (Ketron) e Filippo Liguori (forum)

L’area News, Eventi e Concorsi Forum è alquanto inedita per i forum di questo tipo. Al di là di ricordare gli eventi più importanti, le fiere e gli eventi organizzati da Ketron in Italia, periodicamente i moderatori del forum pubblicano qui un concorso per stuzzicare la creatività musicale, fotografica o video dei partecipanti della comunità.

Nella sezione Styles e risorse aggiuntive è possibile ritrovare la documentazione relativa alle chiavette USB di stili aggiuntivi distribuiti da Ketron, oltre ai collegamenti alla documentazione ufficiale e agli aggiornamenti firmware.

Per completare la libreria di informazioni, ci sono sezioni dedicate ai consigli, al supporto sui singoli modelli, alle configurazioni software per chi lavora con Cubase e Adobe Audition e agli accessori e al loro funzionamento. Non manca l’area destinata agli annunci dei privati per il mercatino dell’usato.

Il forum è affiancato da una pagina su Facebook e da un canale YouTube: in quest’ultimo sono presenti numerosi filmati sugli strumenti Ketron con dimostrazioni, recensioni e video-guide. Il canale è dedicato prevalentemente ai nuovi modelli: SD7, SD9, SD40, MidJPro e SD1000.

Personalmente, ho percepito quanto i moderatori ci tengano a precisare che non sono una sorgente ufficiale di informazioni ufficiali di Ketron; tuttavia, lasciatemelo scrivere, la loro esperienza diretta e il loro entusiasmo per il marchio, rappresentano una risorsa importante per tutti i musicisti. E soprattutto questa comunità è una risorsa per Ketron stessa: si è ritrovata fra le mani un’esperienza spontanea e leale di social network a cui attingere. Cosa che, di ritorno, può solo tornare utile all’immagine e alla popolarità dall’azienda di Ancona.

Written by Renatus

16 febbraio 2017 at 06:00

Doppio rilascio software per Ketron SD7 e MidJPro

with 2 comments

sd7

Ad Ancona, presso il centro R&D di Ketron, da tempo si parla seriamente di sinergia fra SD7 e MidJPro. Non è un caso infatti che l’ultimo aggiornamento software di entrambi i modelli sia stato rilasciato “in coppia”. Il 21 giugno abbiamo infatti visto l’annuncio della versione 1.2.0 di SD7 e, il giorno successivo 22 giugno, è apparsa la comunicazione della versione 1.4.0 di MidJPro. Non vi tratti in inganno la diversità di numerazione: sarà stato sofferto il parto di questo doppio rilascio congiunto, ma la buona notizia è che finalmente Ketron riesce a raccogliere i frutti dell’azione combinata di sviluppo e collaudo sui due strumenti. Vedremo presto buoni effetti similari anche sugli altri modelli di arranger come SD40 e SD80.

Questa è un’ottima notizia per chi suona uno strumento Ketron di ultima generazione: gli aggiornamenti, le migliorie, le riparazioni dei guasti software possono essere studiati e realizzati “in tandem” e quindi dimezzando i tempi o, se preferite, raddoppiando i risultati, visto che tutto viene esteso ad entrambe le piattaforme. Da una parte, Ketron può contare su costi minori e più razionali di sviluppo e, dall’altra, può offrire al mercato soluzioni più ampie, sistemi operativi più robusti e più ricchi di funzionalità. E i risultati si vedono: i primi musicisti che hanno installato i nuovi rilasci riportano già commenti positivi, avendo percepito una reattività più rapida e una più confortevole affidabilità dello strumento.

Del resto, la coerenza di progettazione del proprio parco di modelli è uno dei punti di forza di qualsiasi comparto industriale. Nel caso degli strumenti musicali a tastiera, è il cavallo di battaglia che ha permesso a Yamaha di diventare il numero uno e a Korg e Roland di restare molto competitivi.

Grazie a tutto questo, per esempio, ora SD7 ha l’accordatore a bordo e MidJPro può ereditare il Multitrack (a dire il vero, sembra che ci fosse anche prima, ma era nascosto). Per tutti i dettagli, vi rimando al sito di Ketron dove sono descritti:

Circolano voci secondo cui, prossimamente, Ketron introdurrà sul mercato nuove memorie flash USB contenenti un parco di stili aggiuntivo. Sono buone notizie: restiamo quindi in attesa per poter commentare queste novità, senza dimenticare SD9 presentata nel corso dell’ultima edizione della fiera di Francoforte.

Written by Renatus

25 giugno 2016 at 17:20

Pubblicato su Ketron

Tagged with , ,

Novità Ketron 2016: una conversazione con Marcello Colò

with 9 comments

Musik Messe 2016: lo stand Ketron

Musik Messe 2016: lo stand Ketron

Ecco a voi Marcello Colò, collaboratore musicale di Ketron

Ancora una volta lo stand Ketron del Musik Messe ha stimolato un elevato livello di attenzione da parte dei suonatori di arranger workstation, in modo particolare da quanti usano questi strumenti dal vivo, per scopi professionali. Il web si è infiammato a seguito di una travolgente curiosità in merito ai tre nuovi prodotti annunciati: SD9, SD40 e SD80. Chiediamo oggi aiuto a Marcello Colò, collaboratore di Ketron, per placare la curiosità dei lettori del nostro blog.

Re’: Ciao Marcello, grazie in anticipo per il tempo prezioso che dedichi ai lettori di https://tastiere.wordpress.com/. Ti conosciamo per le splendide dimostrazioni di prodotti Ketron pubblicate su YouTube. Puoi dirci qualcosa di più: da quanto tempo hai avviato la tua collaborazione con l’azienda di Ancona?

MC: Grazie a te Renato per l’opportunità che mi offri perché, attraverso il tuo spazio web, ci possiamo confrontare, possiamo informare e, allo stesso tempo, per quanto mi sarà possibile, soddisfare le curiosità degli amici che ci leggono. La mia collaborazione con Ketron inizia intorno al 2004 ma, per dovizia di particolari, ci conoscevamo sin dagli albori di questa azienda.

Re’: Per due anni di fila, lo stand Ketron al Musik Messe è stato il luogo di grandi belle sorprese per gli appassionati di arranger workstation. L’anno scorso abbiamo assistito al lancio di SD7, un prodotto che ha scatenato la massima attenzione fra i lettori del nostro blog, conquistando la posizione numero uno in graduatoria. Qual è stato secondo te il segreto del successo di SD7?

MC: Non credo ci siano dei segreti da svelare. Grazie al web, il pubblico è informatissimo: ha la possibilità di tastare il terreno e avere il polso delle direzioni del mercato.  Ketron, che da sempre si occupa di tastiere arranger, ha come primo obiettivo quello di ascoltare i suggerimenti dei suoi clienti e ha inserito in SD7, nelle possibilità della piattaforma tecnologica, quello che è stato suggerito in termini di suoni, stili di accompagnamento e quant’altro, nel corso di questi anni, tenendo a mente sin dalle prime battute che obbligatoriamente dovevamo osservare la tendenza dei dispositivi digitali dei nostri giorni. Ecco il perché di un numero inferiori di pulsanti sul pannello, navigazione con touch screen, utilizzo di memorie a stato solido e così via.

Ketron SD9: una novità importante

Re’: Quest’anno Ketron si è presentata con tre prodotti nuovi: SD9, SD40 e SD80. Cominciamo dal primo modello, il prodotto forse più importante: SD9. Qual è il concetto di base su cui Ketron si è basata per realizzare questo nuovo arranger?

MC: Credo sia doverosa una premessa: molte delle nuove qualità sono state suggerite dagli utenti stessi, anche se a volte in modo inconsapevole. Perché dico questo? Perché il messaggio degli utenti era chiaro, direi perentorio. Nel bene e nel male, Ketron ha introdotto delle caratteristiche e delle innovazioni che gli utilizzatori non vogliono più abbandonare. Mi riferisco sia alle prestazioni sonore sia alle modalità operative.

Re’: È evidente che SD9 si distingue a prima vista da SD7 grazie ai 76 tasti e all’assenza del sistema di amplificazione di bordo. Ma al di là di questi aspetti più manifesti, qual è il contenuto tecnologico che fa veramente la differenza fra i due modelli?

MC: Attendevo con impazienza questa domanda, in primis per chiarire che SD9 non è una “SD7 a 76 tasti” ma molto, molto di più. I clienti di prodotti Ketron ci hanno raccontato le loro curiosità, le loro esigenze e – a onore del vero – anche le loro critiche. Nessuno dei possessori della precedente ammiraglia Audya è disposto rinunciare a quelle caratteristiche innovative che ne hanno decretato un punto di riferimento del fare musica nel mondo dell’intrattenimento. Mi riferisco soprattutto agli Audio Drum. SD9 parte da quel database con l’aggiunta di numerosi arricchimenti. E da lì a seguire: si potranno trovare New Live Guitar e una wavetable rinnovata di suoni nelle sezioni di pianoforti con nuovi EL Piano e un nuovo Acoustic Stereo, nonché nuovi Strings (solisti e orchestrali) Flute, Synth, eccetera. Queste sono solo alcune delle migliorie che giustamente gli utenti si aspettavano da SD9.

 Re’: A quanti GB ammonta la wavetable di SD9? E, secondo te, qual è il punto distintivo della collezione di suoni di fabbrica, voglio dire in che cosa si distingue nel mercato dagli altri modelli Ketron e dalla concorrenza?

MC: Personalmente, non credo che il numero dei Giga determini la qualità dei suoni. I musicisti sanno benissimo che nel mondo dei suoni esistono librerie di decine e decine di GB che suonano discretamente e altre librerie che suonano divinamente alla metà delle dimensioni. Semplicemente perché il mistero è celato alla sorgente. Se il suono originale è stato catturato con la vera nuance, si avrà un elemento più umano nella riproduzione. E Ketron da sempre si attiva alla ricerca di suoni e di musicisti che sappiano dare il meglio nella cattura di questi suoni!

Re’: A molti SD9 è apparsa come la “nuova ammiraglia” di casa Ketron. Puoi aiutarci a fare chiarezza su questo punto: voglio dire la presenza di Audya a listino comincia ad essere forse un po’ scomoda e molti clienti Ketron si chiedono se la serie Audya avrà ancora un’evoluzione oppure ora il testimone è passato a SD9?

MC: Credo in parte di aver già dato l’incipit di questa tematica. Ci sono degli aspetti nel “ricambio naturale” che sono inevitabili. Audya ha seguito un proprio percorso tecnologico e di marketing presente ormai da diversi anni e, detto tra noi, è già miracoloso se pensiamo alla tipica e rapida obsolescenza delle nuove tecnologie. La resistenza di Audya è data dalla presenza e dalla gestione del formato audio. L’audio, se è acquisito in modo corretto, è un bene molto più duraturo di qualsiasi Drum Set. Se pensiamo alla sezione arranger come la risorsa base di questo genere di tastiere, ecco la risposta viene da sé. Ovviamente i suoni del comparto “mano destra” sono quelli che soffrono di più perché l’orecchio oggi e molto più affinato ed esigente. E lì SD9 ha fatto veramente passi da gigante.

Re’: Quanti stili preset sono stati sviluppati apposta per SD9 rispetto quelli ereditati dagli altri arranger Ketron?

MC: Il numero è in fase crescente grazie al nostro archivio di styles audio (ce n’erano già 400 in Audya). È possibile attingere a più sorgenti. È ovvio che in SD9 ci sono nuovi Audio Drum con sonorità originali e cadenze contornate dalle nuove importantissime Audio Live Guitar.

Re’: Dicci qualcosa di più dei 12 Launchpad: qual è la novità rispetto i Multipad audio presenti sugli arranger della concorrenza?

MC: Il Launchpad è una divertente novità ed è tutta da scoprire per creare e gestire sequenze con finalità molteplici fra MIDI, Audio Drum e risorse Wave, sotto il dominio del tempo e dell’intonazione. L’unico limite sarà la fantasia del musicista, in quanto la struttura è organizzabile in scene ed è in grado di gestire in tempo reale tutte queste risorse nonché di poter registrare anche una propria traccia al volo. Tengo a precisare è inclusa anche una funzione di Chord Sequencer davvero comodissima.

Re’: Ci sono aspetti di SD9 che non abbiamo ancora evidenziato e che reputi di sottolineare a favore di eventuali nuovi acquirenti interessati a questo nuovo arranger?

MC: Penso sia corretto dire che ogni tastiera arranger dei differenti brand abbia dalla propria parte specifici punti di vantaggio rispetto alle altre, per cui ogni qualvolta mi chiedono se X è meglio di Y o Z, io rispondo sempre: “Lasciate giudicare le vostre orecchie”. SD9 sicuramente avrà qualche chances in più e qualche altra in meno rispetto ai modelli della concorrenza, ma se dobbiamo giocarci questa partita con le dovute armi, direi che il panorama di gestione audio su SD9 (parlo appunto della sezione arranger) è davvero esaustivo e – credimi – è per il musicista una delle forme di libertà ed espressione musicale più vera.

Re’: Concludiamo le domande su SD9 con una minuzia: secondo te, non si poteva proprio evitare l’alimentatore esterno?

MC: Dirti che non si poteva evitare sarebbe una bugia. Però, vorrei far arrivare un altro tipo di messaggio. La scelta dell’alimentatore esterno (che si osserva sempre di più al giorno d’oggi) è una scelta/volontà riferita alle norme di sicurezza ed approvazioni in termini di propagazione magnetica. L’alimentatore esterno è noioso, però va visto anche come una ulteriore sicurezza del dispositivo e dell’utente.

Ketron SD9

Ketron SD9

Ketron SD40: modulo arranger

Re’: Passiamo ora a SD40, Possiamo affermare che SD40 è esattamente SD7 in versione modulo arranger?

MC: Credo che la risposta più giusta sia questa. SD40 è il diretto discendente del MidJPro con l’assenza di un player (è presente un solo lettore di basi anziché due, un limite comunque raggirabile tramite la funzione XFADE) e della funzione DJ. Viene da sé pensare che SD40 sia un prodotto espressamente pensato per chi vuole in primis un generatore arranger/sonoro e sfruttare in modo più blando le prestazioni di un lettore multiplo di basi. Questo prodotto è immaginato per il classico pianista intrattenitore che desidera aggiungere ritmica e background, il fisarmonicista, il chitarrista e, perché no, anche il musicista stand alone con una tastiera MIDI: per tutti costoro, SD40 può cambiare le sorti della serata in modo straordinario.

Re’: Ci aiuti a capire come si colloca questo nuovo prodotto sia rispetto MIDJPRO sia rispetto Audya 4?

MC: Innanzitutto le dimensioni e il costo dettano legge in questa scelta. SD40 pesa 2KG in una dimensione davvero compatta. Quando ascoltiamo i nostri clienti, la cosa che ci chiedono sempre è il peso e le dimensioni, non solo per problemi di carico ma anche di trasporto: molti musicisti infatti che lavorano all’estero (e non solo) si muovono in treno o in aereo pe raggiungere le zone di lavoro. Per questo abbiamo fatto del nostro meglio perché SD40 possa entrare comodamente in un qualsiasi borsa di trasporto.

Disponibilità dei nuovi modelli, prezzi e conclusioni

Re’: La curiosità è tanta: quando saranno effettivamente disponibili nei negozi i tre nuovi modelli rispettivamente?

MC: La risposta è legata, come spesso avviene, all’approvvigionamento delle materie prime. Credo che SD40 e SD80 saranno disponibili in tempi celeri. Un po’ di tempo in più per SD9.

Re’: Per quanto riguarda il livello di prezzo di SD9, SD40 e SD80: puoi anticiparci qualcosa?

MC: Come ben sai, siamo tornati da pochissimi giorni dal Musik Messe di Francoforte, per cui i feedback alla mano verranno elaborati presto per determinare il miglior prezzo al più presto. Abbiamo un ordine di idee molto chiaro anche se al momento non ufficializzabile, di fatto però inferiore alle cifre che ho visto apparire in maniera alquanto “improvvisata” sul web.

Re’: Grazie Marcello, vorresti aggiungere qualcosa, alla fine di questo interessante chiacchierata?

MC: Il ringraziamento è doveroso a te Renato per la possibilità di esprimere sul web informazioni quanto più dettagliate in modo da soddisfare giustamente le curiosità e le aspettative dei musicisti. Approfitto di questo spazio per esprimere un concetto che sia trasversale per tutti quelli che lavorano sulla scena e dietro le quinte. La musica e quello che ruota intorno ad essa è una delle poche cose dove, in qualche modo, chi la crea ha la possibilità di trasmettere un proprio messaggio. Credo che artisticamente ogni musicista, nel suo modesto modo di fare musica, sia il primo interessato a dare il meglio di sé per trasmetterlo. Altrettanto avviene per chi realizza gli strumenti di qualunque marca essa sia, per fare… musica. E allora, buona musica a tutti!

Re’: Grande Marcello! A presto.

Marcello Colò in fiera con Michael Falkenstein (al centro) dimostratore Hammond e Sandro Fontanella (a destra) responsabile musicale di Ketron

Marcello Colò in fiera con Michael Falkenstein (al centro) dimostratore Hammond e Sandro Fontanella (a destra) responsabile musicale di Ketron

Written by Renatus

18 aprile 2016 at 20:30

Pubblicato su Ketron

Tagged with ,